Facorefrattiva

La tecnica chirurgica che rappresenta un’opzione concreta nella correzione di difetti visivi elevati

Una possibilità concreta di correggere
i difetti visivi elevati

La Facorefrattiva è una tecnica chirurgica che consente di correggere difetti visivi elevati non trattabili con il laser. Prevede la sostituzione del cristallino naturale con uno artificiale (lente intraoculare) mediante una tecnica all’avanguardia detta Facoemulsificazione: una sonda ad ultrasuoni, introdotta attraverso un’incisione inferiore a 2mm, frammenta il cristallino per poi rimuoverlo. Attraverso la stessa incisione viene poi inserita una lente artificiale (IOL) nella sede del vecchio cristallino di cui esistono molte varietà, forma e dimensione, potere ottico in modo da consentire la massima adattabilità alla correzione dei più vari difetti di vista ed alle strutture oculari più diverse.
La lente intraoculare non provoca allergia o “rigetto”, non richiede cure o manutenzione, poiché di durata illimitata, né inficia l’aspetto estetico o la visione naturale.

La tecnica
Facorefrattiva

La tecnica Facorefrattiva

La Facorefrattiva non è una tecnica che possa essere eseguita da tutti i chirurghi refrattivi: per il successo dell’intervento è infatti fondamentale che il chirurgo sia anche esperto di chirurgia della cataratta.
E’ indicata per la correzione della miopia ed ipermetropia elevate e per eliminare in altri casi la cataratta.

Il Dr Angelo Appiotti, con oltre 30 anni di esperienza, all’avanguardia nel trattamento laser e chirurgico dei disturbi visivi per pazienti e sportivi professionisti rappresenta lo stato dell’arte in campo europeo della chirurgia refrattiva.

Candidato ideale

  • età superiore a 45 anni
  • miopia > 15-20 diottrie
  • ipermetropia > 6-7 diottrie
  • cataratta iniziale
  • presbiopia

I vantaggi

Nei pazienti con problemi di cornea sottile, la sostituzione del cristallino può essere la scelta più indicata; è l’unica opzione percorribile per coloro che soffrono di difetti refrattivi elevati. Inoltre, se con la sostituzione del cristallino non viene raggiunto il risultato refrattivo desiderato, la IOL (lente artificiale) può essere sostituita con un’altra di potere diverso o si può eseguire un leggero trattamento con il laser ad eccimeri per perfezionare la correzione. Dato che con tale intervento viene rimosso il cristallino naturale, infine, non c’è possibilità di sviluppare una cataratta negli anni a seguire.

Recupero Visivo
e rischi

Recupero visivo

Il recupero visivo è pressoché immediato e generalmente raggiunge la stabilità nel giro di 1 settimana.

Possibili rischi e complicanze

L’operazione di Facorefrattiva è più invasiva degli interventi di chirurgia refrattiva eseguiti con il Laser ad eccimeri. Tra i rischi, l’infezione è la maggiore complicanza rispetto alle tecniche laser. Un fenomeno fisiologico e conseguenziale all’intervento di Facorefrattiva (avviene da qualche mese a qualche anno dopo) è l’opacità della capsula posteriore contenente il cristallino artificiale (detta cataratta secondaria).
In questi casi si può intervenire ambulatorialmente ed in modo del tutto indolore e definitivo con lo YAG laser, che elimina in pochi secondi l’offuscamento visivo.

Le cliniche oculistiche

Il Dr Appiotti effettua visite ed interventi presso selezionate cliniche oculistiche a Milano, Verona, Modena (Carpi) all’avanguardia per strumentazione diagnostica e tecnologie laser.

Contatti

Se vuoi prenotare la tua visita per valutare con il Dr Appiotti la tua idoneità al trattamento laser del tuo disturbo visivo contatta il numero verde
800.669.700

Se preferisci indirizza la tua richiesta tramite il modulo di contatto. Ti risponderemo con cortesia, competenza e sollecitudine.