Skip to main content
By Dr Angelo Appiotti

PRK, FemtoLasik e ReLex SMILE: tre tecniche a confronto

PRK, FemtoLasik e ReLex SMILE: tre tecniche a
confronto

“Ho deciso, mi faccio l’operazione agli occhi”
“Ma dai, che brava, ma quale?”
Questo è un dialogo immaginario, perché quando si parla di chirurgia per la correzione dei difetti
visivi le persone tendono a mettere tutto un po’ nello stesso calderone, senza entrare nel merito
delle diverse problematiche e, soprattutto, dell’evoluzione delle tecniche degli ultimi anni. È
anche normale che sia così, visto che il paziente si affida allo specialista che ha scelto e che sta
a noi, dopo la diagnosi, scegliere la tecnica più adatta caso per caso.
Mi sembra comunque importante fare chiarezza, per aiutare le persone a prendere la decisione
evocata dal dialogo – una decisione impegnativa – nel modo più informato possibile.
PRK e FemtoLasik: differenze tra la prima e la seconda
generazione

La PRK, o cheratectomia fotorefrattiva, è stata la prima generazione di tecniche di
correzione dei difetti visivi con il LASER; è indicata per miopia, astigmatismo ed ipermetropia
lieve ed è adatta per pazienti con cornee sottili o che presentano particolari anomalie corneali.
La grande innovazione della FemtoLASIK, procedura di seconda generazione, è la creazione
del flap corneale senza contatto, riducendo fino quasi ad annullarli i rischi di aberrazioni
post-chirurgiche e di astigmatismi irregolari.
Meglio Lasik o PRK?
Grazie alla sua elevata precisione e sicurezza, FemtoLASIK consente di personalizzare il
trattamento adattandolo perfettamente alle caratteristiche specifiche e difetto visivo di ogni
paziente. I tempi di di guarigione sono rapidissimi, il dolore e il fastidio post-operatorio sono
assenti e i trattamenti sono più stabili negli anni. Potendo scegliere, meglio LASIK, ma PRK è
ancora la procedura d’elezione per i pazienti che non possono essere candidati ad altre
tecniche laser.
FemtoLasik o ReLex SMILE? L’evoluzione della terza
generazione

Appena possibile io scelgo di usare la tecnica più evoluta, ReLex Smile. È una procedura
rivoluzionaria: un unico laser, indolore. Smile sta per Small Incision Lenticule Extraction: un
acronimo dal significato preciso e con un riferimento ancora più chiaro, perché il sorriso del
paziente è inevitabile alla lettura dei vantaggi:
● grande velocità dell’intervento e comodità del paziente
● eseguibilità su cornee sottili o appiattite e occhi infossati
● ottima resistenza alla trazione della cornea successiva all’intervento
● nessun problema con gli sport anche di contatto o con eventuali aumenti di
pressione intraoculare
● secchezza oculare post operatoria molto rara
● risultati refrattivi qualitativamente ottimi
● tempi di guarigione molto rapidi
● assenza di dolori o fastidi post-operatori
● assenza di opacità corneali
Con ReLex Smile torna anche al centro la manualità del chirurgo, perché l’estrazione del
lenticolo dalla minima incisione laterale deve avvenire con velocità, immediatezza e fluidità.
In attesa della quarta generazione il mio consiglio è sempre lo stesso: scegliere un chirurgo
oculista di cui vi fidate e arrivare alla prima visita preparati, per fare tutte le domande
necessarie per capire se chi vi sta di fronte è aggiornato per garantirvi il miglior risultato
possibile.